venerdì 12 maggio 2017

Il giorno che ci si sveglia tutti ambientalisti … o quasi.

Come al solito c’è voluta una grave emergenza per scuotere le anime e le tastiere che operano sui social, per far muovere il cittadino medio dallo stato catatonico in cui si trova abitualmente. Ci riferiamo ovviamente alla nube tossica sprigionata dall’incendio della società Eco X di Pomezia. Un fatto gravissimo di cui aspettiamo ancora di capire le ricadute dal punto di vista ambientale e della salute di tutti. Le notizie non sono affatto confortanti ed altrettanto poco rassicuranti sono le misure prese da alcuni amministratori pubblici. Gli stessi dati dell’ARPA Lazio sono manchevoli o fuorvianti, indicando prelievi da zone affatto o solo parzialmente coinvolte dall’incidente. Purtroppo questa sensibilità diffusa è tipica dell’emergenza. Non bisogna dimenticare che a Velletri la qualità dell’aria è pressoché un mistero: l’ultimo monitoraggio è stato effettuato alcuni anno fa, senza alcun rilievo riguardante le polveri sottili (mai effettuato), men che meno quello riguardante l’amianto.
A quanto pare gli unici a non essersi svegliati ambientalisti sono gli amministratori del Comune di Velletri che “con sprezzo del pericolo”, attraverso la Volsca Ambiente, varano un impianto industriale aerobico di trattamento dei rifiuti organici. L’impianto, neanche a dirlo, verrà posizionato in Contrada Lazzaria.
Dal sito Volsca Ambiente: “Affidamento progettazione impianto aerobico località Lazzaria– Cig ZC51DCCAB5 –Avviso di post informazione– Si comunica, che in data 30/03/2017,il servizio in oggetto è stato affidato a EUTEC SRL  sita in Forlì, Via Bertini 75 , per un importo di € 33.000 oltre Iva, ai sensi art. 36 D.Lgs. 50/2016”.
Ci sembra davvero superfluo rammentare la grande mobilitazione di cittadini, associazioni, comitati, partiti e movimenti che si sono schierati contro la devastazione del territorio. Ci sembra altrettanto superfluo chiedersi a cosa è servita la famosa Commissione comunale. Noi continueremo a proporre il compostaggio di comunità come unica alternativa davvero sostenibile per la salute e per il territorio.

Nel frattempo, invece di avventurarsi in ardite e quanto mai discutibili scelte industriali, consigliamo Comune e Volsca ad aprire gli occhi su come funziona la raccolta differenziata porta a porta: verificare qualche numero, fare un giro per la città dove i sacchetti della mondezza sono onnipresenti ovunque, effettuare controlli incrociati con annesse sanzioni e magari (finalmente) bonificare l’ex discarica di Lazzaria. Insomma, un po’ di sana normalità! Difficile?

lunedì 8 maggio 2017

Cani in gamba !

Mella a Villa Ginnetti
E' stata appena inviata via mail la presente richiesta al Comune di Velletri.
Indicheremo a breve i luoghi ove poter aderire all'iniziativa apponendo la propria firma.


Alla C.A. del Sindaco
E p.c. ai Capi Gruppo Consiliari
Comune di Velletri

Oggetto: Richiesta  AREE RECINTATE PER SGAMBATURA CANI nei giardini Comunali
Con la presente la scrivente Associazione La Spinosa per l’Ambiente vuole dare voce alle numerose richieste dei residenti e dei proprietari di cani che sono costretti a portare gli animali al guinzaglio in giro per la città senza poterli mai lasciare liberi senza rischiare di incorrere in una multa o nelle proteste dei passanti.
Pertanto si chiede al Sig. Sindaco, ai Capi Gruppo Consigliari ed al Consiglio Comunale che una o più aree indicate con la dicitura “AREA SGAMBAMENTO”, possa essere recintata e utilizzata come area per i cani allestendo la stessa in modo che possano esserci zone che favoriscano la socializzazione degli animali e del loro addestramento da parte dei proprietari in sicurezza e con tranquillità degli altri cittadini.
Nelle nostre aspettative c’è quella di poter utilizzare queste in compagnia dei nostri animali in uno spazio sufficientemente ampio da consentire di lasciar liberi gli animali senza disturbare o intimorire chi ha diffidenza o paura dei cani.
Auspichiamo altresì che all’ingresso delle aree fossero affissi cartelli indicanti l’obbligatorietà alla raccolta delle feci degli animali: prassi assolutamente civile, legislativamente prevista ma purtroppo disattesa.
Le aree oggetto della richiesta sono i Parchi di Villa Ginnetti, Muratori, S. Maria dell’Orto e Viale Marconi.
A supporto della richiesta, La Spinosa per l’Ambiente inizierà una raccolta di firme.
In fede.
Velletri, 8 maggio 2017
La Spinosa per l’Ambiente

Il Presidente

venerdì 28 aprile 2017

Le Meraviglie del Parco

La foto vincitrice del concorso scattata da Mauro Manciocchi
Più di cento persone si sono alternate a visitare domenica 9 aprile presso il Rifugio Forestale dell’Artemisio, la Mostra Fotografica organizzata dal Parco dei Castelli Romani in collaborazione con La Spinosa per l’Ambiente ed il Dopo Lavoro Ferroviario di Velletri. Un evento che ha visto impegnati per più di due mesi i promotori dell’evento i quali hanno ricevuto poco meno di quaranta foto ritraendo il nostro meraviglioso territorio. Una iniziativa fortemente voluta dalle due associazioni veliterne per sottolineare ancora (se ce ne fosse stato il bisogno) “l’importanza di essere Parco” e che hanno avuto una grande collaborazione dall’Ente stesso ad iniziare dal Presidente Sandro Caracci, dallo stoico dirigente Stefano Cresta (presente nonostante condizioni fisiche non perfette) e dalla instancabile Daniela Russo Fiorillo. Alla non facile escursione curata da La Spinosa che da Fontan Marcaccio transitando per Acqua dei Ferrari ha raggiunto la cresta ed infine il Passo del Lupo con ritorno fino al Rifugio, hanno partecipato circa venti camminatori. Il sentiero che in un punto panoramico si affaccia sia verso i Pratoni del Vivaro (nord) che la Pianura Pontina (sud) è stato percorso in poco più di tre ore. A lasciare incantati tutti la ricchissima varietà vegetazionale presente che in questo periodo è particolarmente dirompente. Al Rifugio la pattuglia del DLF preparava la classica braciata convenzionale affiancata da quella vegetariana, il tutto annaffiato da ottimo vino locale a Km 0. L’evento si è concluso con la premiazione del primo classificato e di tutti i partecipanti ai quali sono state donate dal Parco dei Castelli Romani alcune delle sue indispensabili pubblicazioni. Continuiamo a credere che il motto “Camminare per Conoscere e Conservare”, deve rimanere il nostro obiettivo. Un ringraziamento particolare allo sponsor Bonjour Italie. Informazioni delle prossime iniziative su Facebook sulle pagine delle nostre Associazioni o sul Gruppo “Escursionisti Provvisori”. La mostra fotografica verrà riproposta a breve presso i locali del Dopo Lavoro Ferroviario di Velletri … sempre pronti per il “Terzo Tempo”!
La Spinosa per l'Ambiente
Dopo Lavoro Ferroviario Velletri