giovedì 10 agosto 2017

LA CARICA DEI 400 !

Sulle aree sgambatura cani.

E’ terminata in questi giorni la raccolta firme a sostegno della richiesta effettuata al Comune di Velletri da La Spinosa per l’Ambiente di 4 aree attrezzate per la sgambatura cani. Tale domanda è nata non solo da una esigenza di normalizzazione della città e di adeguamento alle istanze dei cittadini ma anche in conseguenza dell’apposizione in tutte le ville comunali da parte della locale amministrazione di cartelli che in pratica vietano l’ingresso ai cani (vedere nostro comunicato sull’argomento http://laspinosavelletri.blogspot.it/2017/04/la-giunta-comunale-di-velletri-fuori.html) dato che la distanza tra le aree giochi per bambini ed il perimetro delle aree verdi non supera mai i 100 mt.
Le ville comunali che abbiamo indicato sono: Villa Ginnetti, Villa Muratori, Parco di Viale Marconi e quello di S. Maria dell’Orto. Le firme raccolte sono state quasi quattrocento e la consegna in copia è stata effettuata in data 10 agosto 2017. Già precedentemente ci è stata esternata da alcuni consiglieri comunali, la volontà di sostenere tale nostra petizione. Ci auguriamo che al di là di schieramenti, partiti e movimenti la nostra richiesta venga accolta e che possiamo vedere al più presto i nostri pelosetti giocare insieme in tranquillità.

martedì 8 agosto 2017

La NON_ESCURSIONE AD AMATRICE

Gli “Escursionisti Provvisori” con “Amatrice 2.0 – Il sole dopo la tempesta”

Siamo appena tornati dalla nostra nei pressi di Amatrice, uno dei territori del centro Italia più duramente colpiti dal terremoto dello scorso anno. Il sodalizio formato da La Spinosa per l’Ambiente ed il Dopo Lavoro Ferroviario (DLF) di Velletri, si è da subito attivato per l’aiuto alle popolazioni attraverso la raccolta di viveri, abbigliamento e tutto ciò che potesse servire alle persone colpite dal sisma attraverso la collaborazione con le Brigate di Solidarietà Attiva. L’aiuto è continuato con l’acquisto dei prodotti degli agricoltori della zona grazie all’intervento di “Amatrice 2.0 – Il Sole dopo la Tempesta”. Mediante la medesima organizzazione coordinata da Roberto Salustri, 11 volontari del gruppo Facebook “Escursionisti Provvisori” hanno raggiunto lo scorso fine settimana la zona di Cornillo Vecchio, una delle tante frazioni di Amatrice. Speriamo e crediamo di essere stati utili alle aziende a cui abbiamo dato la nostra disponibilità e le nostre braccia. Il progetto attuale riguarda la messa in opera di recinzioni per salvaguardare la produzione agricola e la fauna selvatica presente nel Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga. L’azione dell’associazionismo è tuttora molto importante e lo si legge dai recenti questionari compilati dai residenti in questi ultimi giorni distribuiti e compilati anche in quest’ultimo weekend. Ma perché aiutare proprio le aziende agricole ? L’agricoltura è la più diffusa e radicata attività della zona ed è anche quella più frazionata, il suo indebolimento o ancora peggio, abbandono, potrebbe portare ad un esodo da quell’area e conseguentemente alla morte dell’area stessa.


Torneremo ancora ad aiutare le aziende agricole e la bella gente di montagna, tosta come la roccia dei Monti della Laga !

domenica 9 luglio 2017

I PELLEGRINI ? CAMMINERANNO SULL’AUTOSTRADA !

… anche loro pagheranno il pedaggio o la chiameranno “gabella” ?

Alla vigilia della presentazione a Velletri della Legge Regionale 2/17 non possiamo non rilevare l’ennesima epidemia di “schizofrenia acuta politico-amministrativa” che ha colpito numerosi rappresentanti istituzionali.
Leggiamo nella lettera di presentazione all’incontro che “La Regione Lazio è la prima a dotarsi di uno strumento normativo organico che metta a sistema i Cammini, le Vie storiche ed i Sentieri della regione. Si tratta della necessaria premessa per uno sviluppo duraturo nel tempo di un grande patrimonio ambientale, culturale ed umano con un enorme potenziale turistico.” Pienamente d’accordo con quanto scritto ma tutto questo come si coniuga con la devastante costruzione della Bretella Autostradale a pedaggio Cisterna-Valmontone che Regione Lazio, comune di Velletri e Cisterna di Latina sostengono da sempre ?
Ben conoscono Patanè, Servadio e Della Penna il tracciato dell’autostrada e la sua totale incompatibilità con quanto lunedì 10 luglio andranno a presentare alla scuola di Sole e Luna a Velletri.
Ricordiamo per i non camminatori che il sentiero a cui facciamo riferimento è la Via Francigena del Sud percorso riscoperto quasi 10 anni fa dall’associazione Gruppo dei Dodici.
Dal sito romaefrancigena.eu: “La Via Francigena del Sud si snoda lungo il basso Lazio, passando per la Campania e la Puglia, e di lì proseguendo, via mare e via terra, sino a Gerusalemme. …. Nel basso Lazio attraversa località che si trovano nella provincia di Roma sud e gran parte della provincia di Latina, zone poco conosciute ma ricche di fascino dal punto di vista paesaggistico, naturalistico, artistico e storico culturale. Il percorso, inoltre, attraversa quattro parchi naturali: il parco degli Aurunci, dei Lepini, dei Castelli Romani, dell’Appia Antica e oasi naturali come quella di Ninfa e del Lago di Giulianello (monumento naturale)”.
Il percorso dei Pellegrini nel tratto Cori – Giulianello – Velletri, verrà totalmente devastato dal mostro di asfalto che, altra schizofrenia politico-amministrativa, deturperà anche il Monumento Naturale del Lago istituito dalla stessa Regione Lazio !
Insomma se da una parte sembra che tutelino l’ambiente, il paesaggio, la cultura e le tradizioni, dall’altra con atti arrivati ormai a fine iter burocratico, in effetti fanno morire tutto ciò. Aggiungiamo a quanto scritto lo spreco di risorse pubbliche (per ora 468 milioni di euro stanziati più 100 già spesi per la progettazione) che potrebbero invece incentivare il trasporto su ferro ma soprattutto adeguare, manutenzionare e mettere in sicurezza la viabilità esistente e l’annientamento di centinaia di aziende agricole e di migliaia di posti di lavoro da esse dipendenti !

Comitato No Bretella Cisterna – Valmontone