martedì 21 aprile 2009

Per Velletri ... SOLO CEMENTO !

Il cosiddetto piano di "recupero" dell'ex carcere è stato presentato. Un progetto che, tolti due piani di parcheggi e una quindicina di appartamenti, rimane tale e quale. Rimangono terrazze con balaustre in metallo, rimangono logge che si affacciano su Piazza Cesare Ottaviano Augusto come anche un risibile portico. Tutto uguale. Rimangono anche i circa 1200 passaggi auto al giorno che si andranno ad aggiungere ad una situazione della viabilità cittadina già congestionata ed a volte, al limite del collasso. Per di più si ridurranno i parcheggi interrati del 50% ma, si diminuiscono le abitazioni solo del 13% ... Dov'è la logica ? Sui disegni si evidenzia la non visibilità del nuovo manufatto dal piano stradale .... un clamoroso autogol ! Evidentemente gli stessi progettisti si accorgono della bruttura presentata e della dissonanza architettonica con la Piazza del Comune e con Castello. Un pugno allo stomaco.
Ma non basta.
Oggi viene presentato un progetto per un parcheggio interrato di 440 posti auto. Cinque piani da Via Gramsci (in basso) fino a Viale Regina Margherita e Viale Bruno Buozzi. Aggiungiamo quindi 6000 mq il cui 10% verrà destinato ad un utilizzo misto pubblico-privato. Il tutto è ovviamente finanziato da un privato (la vecchia AJ Mobilità ?) che avrà circa 180 posti auto per 30 anni, il resto al Comune. Così il vecchio e insensato Piano Parcheggi sta ritornando alla luce. Approvato all'epoca da destra e sinistra, per una città informe, dovrà coniugarsi con le promesse elettorali di trasformare il centro storico in area pedonale ... ma forse, a piedi, stando attenti alle auto, potremo camminare solo nei parcheggi sotterranei ! E con gli altri due che stanno in apertura, Via Regina Margherita diventerà Via dei Parcheggi.
Ma non basta ancora.
Alla recente conferenza sulla situazione della Giustizia a Velletri effettuata in seguito alla interpellanza parlamentare dell'On. A. Rugghia, il Sindaco Servadio avrebbe dichiarato: "Per quanto riguarda l'abusivismo non abbiamo gli strumenti per debellare il fenomeno".
Non credo ci sia bisogno neanche di commentare.
Non possiamo essere smentiti dicendo che a Velletri le diverse problematiche della città e le relative soluzioni vanno a rilento mentre il cemento è a PRESA RAPIDA.

1 commento:

amatamari ha detto...

E' davvero incredibile che si persegua una logica che invece di valorizzare il centro storico - magari chiudendolo al traffico - progetta parcheggi su parcheggi senza un piano a lunga distanza.
Una politica dell'oggi che non guarda al domani, incapace di programmare innovazioni che valorizzino l'ambiente.
Che tristezza.